fbpx Skip to content

Risarcimento di 57.000 euro

Il Tribunale di Roma dichiara responsabili per negligenza tre medici dell’Ospedale San Camillo Forlanini 

Il Caso

A seguito di una colonscopia, una donna di 38 anni, subisce una perforazione intestinale, a causa della quale viene sottoposta ad un’operazione d’urgenza.
Durante questo intervento i medici dimenticano una garza nell’addome della signora.
La donna viene operata di nuovo per rimuovere la pezza chirurgica.
La negligenza medica innesca una serie di problemi di salute inabilitanti e invalidanti per la paziente.
L’ospedale e i sanitari vengono citati in giudizio per responsabilità medica e vengono condannati al risarcimento.

la storia clinica

La donna affetta da morbo di Crohn e spondilite anchilosante, si sottopone a una colonscopia presso l’Ospedale San Camillo-Forlanini. Dopo l’esame, accusa intensi dolori addominali. Viene sottoposta a controlli che rilevano una perforazione dell’intestino crasso avvenuta durante la colonscopia. La paziente subisce quindi un intervento chirurgico d’urgenza. Durante la convalescenza si manifestano broncopolmonite e infezioni della ferita chirurgica. Il quadro clinico si aggrava ulteriormente quando viene scoperta la presenza di una pezza chirurgica dimenticata nell’addome durante l’intervento. Viene quindi sottoposta ad un ulteriore intervento chirurgico per la rimozione della garza, seguito da una serie di operazioni di addomino-plastica per correggere le complicanze derivanti.

RISARCIMENTO 57 mila euro

La sentenza del Tribunale di Roma ha attribuito la responsabilità all’azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini per la negligenza dimostrata, in particolare per la dimenticanza della pezza chirurgica, sottolineando come questa imperizia abbia causato significative sofferenze e complicazioni post-operatorie alla paziente. Il Tribunale ha pertanto stabilito un risarcimento di 57.084 euro a favore della donna, riconoscendo il danno biologico e non patrimoniale subito, inclusi il dolore, la sofferenza fisica e psicologica, e le ripercussioni sulla qualità della vita. In aggiunta, sono stati concessi gli interessi legali sul totale del risarcimento e il rimborso completo delle spese legali e mediche sostenute.

Approfondimenti
Informazioni
Contatti
Torna su